16/09/2019

Cos'è la sarcopenia, quali sono i sintomi e come può essere contrastata

Il termine "sarcopenia" deriva dal greco antico e precisamente da "sarx" che significa "carne" o "muscolo" e "penia", ossia "povertà". Quindi a livello letterale la sarcopenia è "povertà di carne" o "povertà di muscolo". Effettivamente si tratta di un processo inevitabile e connesso all'invecchiamento del corpo umano che comporta la perdita della massa e della forza muscolare.
Quando si presenta e come? Vediamolo insieme.

Quando inizia questo processo?

Stando ai dati forniti dalla Fondazione Internazionale  di Osteoporosi (IOF), il declino muscolare correlato alla sarcopenia inizia intorno ai 40-50 anni, con un ritmo dapprima lento e che a partire dai 60-70 anni diviene più incalzante. Il ritmo di avanzamento della sarcopenia comporta ogni 10 anni la perdita di un 3-8% della massa muscolare.

Chi ne soffre maggiormente?

Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che la sarcopenia ha un impatto maggiore su soggetti sedentari e dediti ad abitudini alimentari inadeguate per la salute dei muscoli.
Ad esempio tra i fattori alimentari che possono favorire il processo ci sono: il consumo eccessivo di cibi che causano acidità come i fritti,  il ridotto apporto di proteine e lo scarso apporto di frutta e verdura.
Inoltre, è stata trovata una correlazione tra il basso peso riportato alla nascita e una maggiore perdita di tono muscolare in tarda età

Quali sono le conseguenze della sarcopenia?

Questo processo connesso all'invecchiamento provoca:

atrofia muscolare ossia riduzione del volume dei muscoli e del numero totale delle fibre muscolari
peggioramento della qualità stessa del tessuto muscolare con una percentuale più alta di tessuto adiposo e fibroso
cambiamenti del metabolismo
maggior stress ossidativo a carico della cellula muscolare
aumento della fragilità dei muscoli

Cosa comporta ossia quali sono i sintomi?

Questi cambiamenti provocano un costante senso di debolezza, perdita di resistenza, scarso equilibrio e tendenza alle cadute, andatura rallentata e difficoltà a svolgere le più banali attività quotidiane. Tutto ciò influisce notevolmente sulla qualità di vita della persona anziana contribuendo a diminuirne l’autonomia.

Esiste un modo per contrastare la sarcopenia?

Trattandosi di un processo quasi fisiologico non esiste una cura medica, però è possibile attraverso vari rimedi naturali contrastare il declino della massa e della forza muscolare.
L'esercizio fisico costante e un'adeguata alimentazione sono le prime utilissime contromisure.

Su cosa si dovrebbe concentrare l'esercizio fisico?

È importante includere allenamenti per la forza e allenamenti per la resistenza che devono essere ripetuti almeno un paio di volte alla settimana.
Inoltre, devono essere coinvolti nell'allenamento tutti i più importanti distretti muscolari: gambe, braccia, addome, petto, schiena e spalle.
Naturalmente prima di iniziare qualsiasi programma di allenamento, l'anziano deve consultare il proprio medico per capire quale sia l'attività fisica a lui più idonea.
Ad esempio nel nostro centro è il Medico Fisiatra a scrivere - dopo la visita - il Progetto Riabilitativo personalizzato che si attuerà poi in un programma.